Serie A Serie A

Verso Tempi di Recupero Maxi Anche in Serie A?

Un aspetto peculiare di questi mondiali di Qatar, oltre al fatto di essere svolti in inverno, sono i tempi di recupero. La linea guida del responsabile degli arbitri mondiale, Pierluigi Collina, è stata quella di rendere i recuperi più lunghi. In alcuni casi abbiamo assistito a partite che hanno avuto tra primo e secondo tempo fino a 25 minuti di recupero. Perché? Dovremo abituarci anche nella nostra Serie A?

Annunci

Perché i Tempi di Recupero Talmente Lunghi?

La spiegazione è alquanto semplice ed intuitiva, si vuole disincentivare in qualsiasi modo le perdite di tempo. Aggiungendo dei tempi di recupero di questa entità si tenta di arrivare quanto più vicino ai 90 minuti di gioco effettivo.

Il problema è che abbiamo assistito a recuperi super anche in partite ormai chiuse in cui una squadra faceva semplicemente mielina. Personalmente non so quanto senso abbia in questi casi specifici adottare questa linea guida. In fondo vi dirò la mia.

Tempi di recupero Maxi anche in Serie A?

Annunci

Cosa Accadrà in Serie A?

Ancora non è stato reso noto quel che intenderanno fare federazione ed AIA nel nostro campionato di Serie A in questo riguardo. Infatti è una decisione che spetta ad ogni singolo paese quella di adottare o meno questa linea guida.

In Inghilterra, ad esempio, la Premier League non utilizzerà i tempi di recupero extra large. Va notato però che in Premier League tempi di recupero particolarmente lunghi sono già la norma da parecchio tempo.

Dovremo quindi attendere qualche settimana per sapere ufficialmente quale sarà la decisione presa sulla linea guida dei tempi di recupero in Serie A.

La Mia Opinione

Onestamente non credo che cambi gran che aggiungere tutto questo tempo di recupero. La squadra intenta a perdere tempo accentuerà questo comportamento con l’allungarsi dei tempi di recupero.

Le soluzioni più efficaci sono 2 dal mio punto di vista:

  1. Diventare più intransigenti sulle ammonizioni per perdita di tempo o giocatori che allontanano i palloni per rallentare la ripresa del gioco. Inizialmente si avrebbe un numero superiore di ammonizioni e doppie ammonizioni finche i giocatori e squadre non recepiscono del tutto la nuova linea.
  2. L’IFAB dovrebbe introdurre il tempo effettivo. In questo caso le perdite di tempo sarebbero scorporate dal tempo di gioco ed il problema non sussisterebbe più. Il problema del tempo effettivo: ci ritroveremmo con partite all’americana, che durano sopra le 2 ore. Non una cosa che mi entusiasma.

Per quanto mi riguarda opterei per una maggiore intransigenza con i cartellini sulle perdite di tempo senza allungare a dismisura i tempi di recupero.

Annunci

Info Sull'Autore

Alex

Da sempre un appassionato di calcio, in particolare di Serie A. Sono stato un arbitro di calcio a livello regionale per 3 anni, sviluppando una visione più asettica e imparziale del calcio. Da 5 anni ormai scrivo su Letestedicalcio.it aggiornando curiosità, dati e analisi di partite.