Atalanta Europa League Europa League Situazioni Arbitrali Situazioni Arbitrali

È Rigore La Mano di Dani Olmo in Atalanta Lipsia di Europa League?

Poteva essere il momento della svolta nella partita dell’Atalanta l’episodio del possibile calcio di rigore a favore. Cosa è successo nell’episodio che ha visto il tocco di mano di Dani Olmo? È corretta la decisione dell’arbitro della partita, Antonio Mateu Lahoz, di non concedere il calcio di rigore? Approfondiamo quanto accaduto in questo quarto di finale di Europa League.

Cosa è Successo in Atalanta Lipsia di Europa League 2021/2022?

Siamo al 50′ minuto di partita, si sta per eseguire un calcio di punizione concesso in seguito ad un fallo di mano di Henrichs in barriera sul precedente calcio di punizione calciato da Koopmeiners.

Il secondo calcio di punizione viene calciato da Malinovskyi. Il calciatore ucraino decide di eseguire un calcio di potenza indirizzato sul palo del portiere.

Sulla traiettoria il pallone trova Dani Olmo, che ha le braccia davanti al petto ma non perfettamente aderenti al corpo. Il pallone colpisce prima l’avambraccio destro, più vicino al corpo, poi la mano sinistra vistosamente staccata dal corpo.

L’arbitro fa giocare, facendo capire ad ampi gesti di aver visto il tutto. La palla poco dopo termina in fallo laterale. A questo punto l’arbitro spagnolo Lahoz viene richiamato dal VAR operato da Munuera.

Si apre una on field review, al termine del quale l’arbitro decide di confermare la propria decisione iniziale non concedendo il calcio di rigore.

Si tratta della decisione corretta? Il VAR è intervenuto correttamente?

La Curva dell'Atalanta in Europa League

Pubblicità

Era Rigore il Mani di Dani Olmo in Atalanta Lipsia?

A mio parere si tratta di un calcio di rigore piuttosto netto e quindi di un errore anche grave da parte di Lahoz. Vi spiego perché.

Sebbene sia vero che la palla tocchi prima l’avambraccio destro del giocatore del Lipsia, è altrettanto vero che il braccio non è attaccato al corpo e quindi aumenta lo spazio occupato dal corpo di Olmo. Questo aumento dello spazio occupato non permette al pallone di passare e proseguire la propria traiettoria verso la porta avversaria.

Lahoz interpreta malissimo la situazione considerando il braccio di Dani Olmo attaccato al corpo quando effettivamente non lo è. Per di più è piuttosto evidente che non lo fosse anche dalle immagini proposte all’arbitro dal VAR.

Il VAR è Intervenuto Correttamente?

Il VAR ha assolto perfettamente il proprio compito a mio parere. Il VAR Munuera, anche lui Spagnolo, richiama Lahoz all’on field review per quello che a tutti gli effetti è un chiaro errore di valutazione (quel sentiamo chiamare Serious Missed Incident).

Dalle immagini pare si apra una discussione piuttosto animata tra Lahoz e il suo collega al VAR. A mio parere si ha la sensazione di un Lahoz quasi stizzito dall’essere stato richiamato a vedere l’azione.

Lahoz chiede più volte di rivedere l’angolatura frontale in cui la prospettiva schiaccia più il braccio sul corpo, concentrandosi sul dettaglio sbagliato in questa azione.

In sostanza bene il VAR, male Lahoz sempre troppo confusionario come arbitro sia quando lo abbiamo visto dirigere in Champions League che in Europa League.

Info Sull'Autore

Alex

Da sempre un appassionato di calcio, in particolare di Serie A. Sono stato un arbitro di calcio a livello regionale per 3 anni, sviluppando una visione più asettica e imparziale del calcio. Da 5 anni ormai scrivo su Letestedicalcio.it aggiornando curiosità, dati e analisi di partite.

Pubblicità
×