Fiorentina Inter Serie A Serie A

Analisi Inter Fiorentina

Sebbene fosse la seconda giornata di campionato si trattava della prima partita stagionale dell’Inter. La Fiorentina arrivava invece dalla vittoria in casa contro il Torino.

Non un avversario semplicissimo quindi per la prima partita della squadra di Conte in questa Serie A 2020/2021.

Quella di quest’anno è una Fiorentina che ha fatto un grande passo in avanti, almeno sulla carta, per quanto riguarda il tasso tecnico complessivo della rosa. Credo che si sia visto chiaramente in campo anche sabato sera a San Siro.

L’Inter invece ha inserito, in un assetto già collaudato, giocatori di caratura internazionale. Si tratta, quindi, di una squadra dalle grandi ambizioni per questa season. Costruita per vincere da subito. Andiamo a vedere da vicino cosa è accaduto nella partita di ieri, partendo dagli schieramenti in campo.

L’Inter in Campo Cosí

Formazione dell'Inter contro la Fiorentina in Serie A

Devo dire la verità sono rimasto un po’ sorpreso nel vedere la formazione scelta da Conte. Non mi aspettavo di vedere in campo una formazione cosí “sperimentale”. Tanti piccoli esperimenti in giro per il campo, come ad esempio la scelta di avere due dei tre centrali adattati. Cosa che, come vedremo dopo, ha creato delle problematiche ai nerazzurri sul lato di Kolarov. Soprattutto è particolare questa scelta in virtù del fatto che l’avversario era di buon livello.

La Fiorentina in Campo Cosí

Formazione della Fiorentina contro l'Inter in Serie A

La Fiorentina come normale che sia ha schierato in campo i migliori 11 giocatori a disposizione di Iachini. Paradossalmente i più grandi problemi non li hanno creati i giocatori ma le scelte dell’allenatore stesso.

Inter in difficoltà dal Pronti Via

Appena iniziato il gioco si è notato che all’ Inter mancava ritmo. La palla girava con lentezza e la squadra aveva molte difficoltà ad uscire dal primo pressing della Fiorentina.

Fiorentina che invece con molta attenzione e dedizione chiudeva tutte le linee di passaggio con punte e centrocampisti, mettendo subito in difficoltà l’Inter. Tanto che al 3′ minuto di gioco la combinazione della linea bassa e passiva dell’ Inter e l’aggressività della Fiorentina portano al vantaggio viola.

Il Primo Gol Della Fiorentina

Situazione Primo Gol Della Fiorentina Contro l'Inter

Recupero palla della Fiorentina che scende sulla fascia destra con Federico Chiesa, gli viene lasciato troppo tempo per pensare e cambia gioco sulla fascia opposta dove c’è Biraghi.

Situazione Primo Gol Della Fiorentina Contro l'Inter-2

A questo punto con l’Inter impiega qualche secondo a scivolare in copertura con Young. Tempo che basta a aBiraghi mettere la palla dentro. In questo momento vengono a galla i primi problemi di Kolarov in posizione da centrale difensivo.

Il Serbo, chiaramente non del tutto abituato ad essere in questa posizione del campo, si lascia scavalcare troppo facilmente dalla che arriva alla coppia Kouame Bonaventura che scambiano e mettono dentro.

Quel che mi sorprende di questa situazione è il fatto che non c’è stata una grande attenzione a quello che nella prima giornata di campionato era stato il giocatore più pericoloso della Fiorentina con i suoi cross. Per di più era un giocatore molto ben conosciuto dai nerazzurri dato che fino a qualche settimana fa era nella loro rosa.

Eriksen Un Pesce Fuor d’Acqua

Eriksen come spesso era accaduto la scorsa stagione è apparso lento, impacciato e poco incisivo. Con la sua posizione sulla tre quarti avversaria, quando gli arriva la palla deve sapere già cosa fare con il pallone, invece fa più tocchi rallentando non poco il gioco dell’ iInter in una fase in cui la Fiorentina portava un pressing molto aggressivo.

Unica Scialuppa di Salvataggio Lukaku

Capiamoci bene, anche il numero 9 dell’Inter ieri sera non era assolutamente in serata. Detto questo nel primo tempo è stato spesso lui l’appiglio per la squadra. Senza la sua copertura di palla l’Inter avrebbe sofferto ancora di più.

Per lunghi tratti del primo tempo sembrava che il principale schema di gioco dei nerazzurri lanciare la palla sul Belga, con lui che poi serve le sovrapposizioni dei centrocampisti. Esattamente come accade in occasione del gol del pareggio di Lautaro Martínez.

Difesa Palla Lukaku e Sovrapposizioni in Inter Fiorentina

Parentesi su Intervento Barella e Rigore

Partiamo da Barella al sesto minuto. Ha rischiato moltissimo il giocatore dell’Inter, probabilmetne l’unica cosa che ha salvato il 23 nerazzurro dal rosso è dove ha colpito sulla gamba Ribery. Detto ciò per me era più rosso che giallo.

Giusta invece la decisione di tornare sui propri passi di Calvarese in occasione del calcio di rigore. Caceres tocca nettamente prima di Lautaro Martínez la palla.

Poche Imbucate Molti Cross

La lentezza di Eriksen, di cui abbiamo parlato, e il buon posizionamento della difesa della Fiorentina hanno reso molto difficile per l’Inter trovare imbucate per mettere davanti al portiere i propri giocatori.

Invece l’Inter si è dovuta accontentare di allargare il gioco sulle fasce (in particolar modo sul lato di Young) per mettere in mezzo dei cross. Cross che non hanno messo in particolare difficoltà la Fiorentina nel primo tempo.

La Fiorentina Spreca e l’Inter Pareggia

Il grande demerito del primo tempo della Fiorentina è stato quello di non segnare più gol. Le occasioni ci sono state, spesso la linea difensiva “sperimentale” dell’inter è andata in difficoltà con gli inserimenti in profondità di Kouamé.

Proprio Kouamé ha dato un apporto molto importante alla prestazione della propria squadra. Tuttavia dimostra di non essere un attaccante che segna con grande facilità. È stato lampante al 41′ quando si divora l’occasione di portare sul 2-0 la propria squadra e, come spesso accade, da li a poco arriva il pareggio degli avversari.

Al 47′ Lukaku protegge la palla e favorice Barella, viene trovato sul limite dell’area Lautaro Martínez che per la prima volta in questa partita si accende e inventa il gol del pareggio con un tiro a giro sul secondo palo.

Il Secondo Tempo

Il secondo tempo parte al contrario di come era partito il primo. Ovvero con una piuFiorentina più molle e l’Inter più motivata. La Fiorentina non si sveglia fino al momento del gol subito. Gol praticamente regalato all’Inter.

Al 52′ la difesa della Fiorentina fa un vero e proprio pasticcio. Escono su Lautaro in due, Amrabat e Milenkovic, non comunicando bene si scontrano offrendo l’opportunità all’argentino di entrare in area e tirare. A completare l’opera ci pensa Ceccherini che devia in porta un tiro innocuo.

Situazione gol 2-1 Inter sulla Fiorentina

Si Accende Ribery, La Fiorentina Vola

Da qui si accende il giocatore più importante della squadra toscana, Ribery. Che quando più tardi uscirà marcherà l’apertura della seconda rimonta dell’Inter. Il sorpasso viola infatti arriva con due invenzioni del 7.

Sebbene le giocate di Ribery in entrambi i gol siano davvero bellissime, va detto che due imprecisioni difensive dell’Inter non complicano la vita agli attaccanti avversari. Nel primo gol l’errore è di posizionamento di tutti e tre i centrali e del centrocampo, nel secondo è ancora una volta di Kolarov.

Inserimento di Castrovilli nel Gol del pareggio

Il primo gol vede Ribery lanciato da Castrovilli puntare la linea difensiva dell’Inter, nel mentre Castrovilli aveva seguito l’azione proponendosi a rimorchio. Viene servito da Ribery e con una rasoiata precisa mette in rete sul palo lontano. Bastoni e D’ambrosio in questa azione sono entrambi andati in chiusura su Ribery non accorgendosi che arriva a rimorchio Castrovilli e che al contempo Kolarov è impegnato nella marcatura di Kouamé.

La soluzione ideale sarebbe stata la copertura di uno dei centrocampisti, che avrebbe dovuto seguire l’inserimento di Castrovilli. Infatti, Brozović e Eriksen lasciano andare via troppo facilmente Castrovilli senza seguirlo in area di rigore.

Nel secondo dei due gol è segnato da un altro errore di Kolarov. Federico Chiesa fa partire l’azione e parte con uno scatto che lo porterà all’area di rigore avversaria, nel metre Ribery salta D’Ambrosio e con un passaggio filtrante va a servire sulla corsa proprio Federico Chiesa. L’errore di Kolarov è guardare esclusivamente il pallone senza accorgersi dell’arrivo alle sue spalle del giocatore della Fiorentina. Se ne rende conto solo quando è troppo tardi.

Situazione Gol 3-2 della Fiorentina

L’Inter la Ribalta nel Finale

A questo punto Conte si decide finalmente di far entrare i pesi massimi e di passare ad una difesa a 4. Questo permette di spostare Kolarov in una posizione dove si trova a suo agio e può contribuire maggiormente in fase di spinta.

L’altro evento chiave è la sostituzione di Ribery. Iachini decide di rimuovere dal campo l’asso francese, una decisione davvero sciagurata. Il francese era stato il motore della squadra e l’uomo che teneva la palla lontana dalla propria area di rigore e che agiva da regista avanzato.

La Fiorentina si schiaccia fino ad avere tutti e undici gli uomini dietro la linea della palla. Un invito a nozze per un’Inter in piena fiducia e con giocatori di qualità freschi essendo appena entrati in campo.

Gol del Pareggio dell'Inter 3-3

In occasione del gol del 3-3 dell’Inter i movimenti degli interpreti nerazzurri sono stati bellissimi. Fatti con i tempi giusti con la massima precisione. Vidal si appoggia su Lukaku che come al solito protegge e scarica su Sanchez che trova D’Ambrosio sulla fascia destra dietro l’esterno colpevolmente distratto. Stop con i tempi giusti e cross in mezzo per il tap in facile del numero 9.

Gol del Pareggio dell'Inter 3-3 21

A questo punto è molto brava l’Inter ad approfittare di una inerzia totalmente a proprio favore. La Fiorentina stanca e alle corde si addormenta completamente su situazione di calcio d’angolo. Nessuno va coprire lo scambio breve lasciando tutto il tempo a Sanchez di andare a crossare con un pallone ben messo sul secondo palo dove nessuno della difesa della Fiorentina va a fermare lo stacco in terzo tempo di D’Ambrosio che completa la rimonta dei nerazzurri.

Un Breve Commento

Credo che l’Inter sia probabilmente la squadra più completa e pronta per vincere nell’immediato. Tuttavia Conte dovrebbe evitare esperimenti evidentemente azzardati, come una linea difensiva a 3 con Kolarov e D’Ambrosio. Soprattutto non va venduto Škriniar senza rimpiazzarlo con un giocatore altrettanto forte, il reparto difensivo rischia di essere il punto debole di questa squadra.

Info Sull'Autore

Alex

Da sempre un appassionato di calcio, in particolare di Serie A. Sono stato un arbitro di calcio a livello regionale per 3 anni, sviluppando una visione più asettica e imparziale del calcio. Da 5 anni ormai scrivo su Letestedicalcio.it aggiornando curiosità, dati e analisi di partite.