Avvicinamento ad Inter Genoa

5 Dicembre 2015

Stasera nel terzo anticipo della 15^ giornata di Serie A sarà chiamata l’Inter di Roberto Mancini a rimettersi in carreggiata e tornare alla vittoria sia per riagguantare (seppure temporaneamente) la vetta della classifica, che per mettere pressione  pressione al capolista Napoli che altrimenti potrebbe iniziare ad allungare dal gruppo degli inseguitori.

Mancini sembra più incline a disporre la propria squadra in campo con un 4-4-2 riprovando la collaborazione Icardi-Jovetic, Gasperini si affida come sempre al suo 3-4-3.

Diamo un’occhiata alle probabili formazioni che ritroveremo in campo stasera alle 20:45 sul verde di San Siro.

1
Handanovic
12
Telles
25
Miranda
24
Murillo
33
D'Ambrosio
77
Brozovic
17
Medel
83
Felipe Melo
44
Perisic
10
Jovetic
9
Icardi
1
Perin
5
Izzo
8
Burdisso
3
Ansaldi
11
Figueiras
88
Rincon
20
Tino Costa
93
Laxalt
10
Perotti
19
Pavoletti
22
Lazovic

Il Genoa lontano dalle mura amiche del Marassi ha faticato molto ad ottenere risultati utili, ed ha una forma tutt’altro che invidiabile, un misero bottino 3 punti in 7 partite (0 vittorie, 3 pareggi e 4 sconfitte).

Nonostante questa statistica la formazione di Gasperini rimane una formazione da prendere con le molle. Fa dell’intensità la pripristino arma principale (seppure con meno successo in trasferta rispetto alle prestazioni in casa), aggredendo fin dai primi minuti il proprio avversario con pressing altissimo.

Sarà fondamentale l’approccio alla gara, un gol nei primi minuti da parte del Genoa potrebbe essere un bel guaio per l’Inter, che ha segnato più di un gol solo in 2 occasioni quest’anno, contro Carpi e Frosinone, che senza mancare di rispetto a nessuno sono 2 delle ultime 4 squadre in classifica e 2 delle 3 neopromosse.

I problemi della fase offensiva dell’Inter, infatti, sono ancora un tema attualissimo la collaborazione tra Jovetic e Icardi non sembra decollare (il motivo mi è alquanto oscuro) e gli sbocchi del gioco nerazzurro sembra non favorire come nelle due annate precedenti il bomber argentino.

Nel mentre la pressione al gruppo di testa si fa sentire anche da dietro, con la Juve che ha momentaneamente accorciato in classifica, vincendo 2-0 all’Olimpico contro un Lazio sempre più in profonda crisi.

A stasera per aggiornamenti e risultati.